Siria, Assad minaccia "resistenza militare" alla presenza Usa -2-

Fth

Roma, 15 nov. (askanews) - Interpellato sulla situazione politica del suo Paese, il rais di Damasco ha spiegato: "Abbiamo iniziato a combattere la corruzione da anni ed oggi il processo continua" aggiungendo che non accetteremo, né oggi e neppure domani, né come Stato né come popolo, a qualsiasi idea di secessione".

"La guerra non significa smembrare il Paese né andare verso la secessione. Non significa far saltare in aria la costituzione né indebolire lo Stati. La guerra deve essere un'esperienza dalla quale uscire con una patria più forte e non più debole. Qualsiasi idea di separatismo non sarà assolutamente accettata", ha aggiunto il presidente Assad.