Siria, comandante curda: non lasciateci soli, Ue fermi massacro -2-

Dmo

Roma, 17 ott. (askanews) - "Temiamo che l'accordo sia un'occasione per il governo di Assad e per la Russia di indebolirci, e che ci esponga al rischio concreto di massacri. Ma noi non ci fermeremo, rimarremo qui a combattere per la libertà del nostro popolo".

Intanto "i soldati turchi e le milizie affiliate alla Turchia sono a quasi venti chilometri. Siamo esposti al fuoco dell'artiglieria pesante, ci sono continue incursioni aeree".

(Segue)