Siria, Conte: "Ue non può accettare ricatti"

webinfo@adnkronos.com

"Lo dirò chiaro e forte al vertice Ue della settimana prossima: l'Ue non può accettare il ricatto della Turchia". Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte a margine di un'iniziativa a Isernia, sottolineando come "l'iniziativa militare in Siria debba immediatamente cessare".  

"Non può essere che l'attività svolta dalla Turchia per accogliere i profughi siriani, tra l'altro finanziata ampiamente e in modo cospicuo dall'Europa, diventi un'arma di ricatto". L'attacco di Ankara "non può che avere - per il premier - la riprovazione di tutta la comunità internazionale. L'Ue dovrà parlare con una voce sola, all'unisono. L'opzione militare storicamente è il fallimento più totale di qualsiasi stabilizzazione e non la possiamo accettare". 

Ieri il premier aveva sottolineato come seguisse "con profonda preoccupazione gli ultimi sviluppi nel nordest della Siria. Facciamo appello alla Turchia - aveva detto - perché cessi immediatamente la sua iniziativa militare unilaterale che possa mettere in pericolo la stabilità regionale e indebolire la lotta contro Daesh"