Siria, Conte: Ue non può cedere a ricatto Turchia su profughi

Pol/Vlm

Roma, 10 ott. (askanews) - "Della questione della Siria ne abbiamo parlato anche nel corso del G7. È una situazione critica. I migliaia di foreign fighters sotto il controllo dei curdi rischiano di essere liberati. Quindi paradossalmente anziché risolvere la questione dei terroristi la può aggravare ancora di più. Ma quello che è prioritario è che non possiamo consentire che siano inflitte ulteriori sofferenze alla popolazione curda e siriana. Questo è inaccettabile". È quanto dichiara il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in collegamenteo telefonico in diretta con la trasmissione di La7 'Piazzapulita'.

"Bisogna ribadire con forza che l'Unione Europea non può cedere al ricatto di rimanere esposta alla dispersione dell'ingente numero di profughi siriani che sono in Turchia pur di acconsentire a questa iniziativa militare. Sono due cose che non sono sullo stesso piano, tanto più che dell'accoglienza dei profughi siriani in Turchia l'Ue si è fatta carico economicamente", aggiunge.