Siria devastata in 10 anni di conflitto, la denuncia di Msf

·1 minuto per la lettura
Siria devastata in 10 anni di conflitto, la denuncia di Msf
Siria devastata in 10 anni di conflitto, la denuncia di Msf

Milano, 11 mar. (askanews) – Un Paese devastato, primo al mondo per sfollati interni, dove la crisi economica e la pandemia stanno ulteriormente deteriorando la situazione. Dopo 10 anni di guerra in Siria circa 13 milioni di persone hanno bisogno di assistenza umanitaria. Edifici e infrastrutture civili, compresi gli ospedali, sono stati attaccati ancora nel 2020. Migliaia di persone sono state uccise o ferite e centinaia di migliaia costrette a lasciare le loro case. La Siria ha il triste primato di Paese con la più grande popolazione di sfollati interni al mondo, oltre 6 milioni.

Medici Senza Frontiere (MSF), che dallo scoppio del conflitto opera in Siria direttamente e non ha mai smesso di portare assistenza medico-umanitaria e supportare medici e infermieri siriani nonostante le enormi difficoltà e limitazioni, fornendo assistenza nei campi profughi, o da remoto supportando i medici siriani con donazioni di farmaci e consulenze, resta estremamente preoccupata per il destino della popolazione siriana e chiede alle parti in conflitto di garantire la protezione dei civili e la possibilità di fornire assistenza medica e umanitaria ovunque sia necessaria.

Attraversare le frontiere per portare rifornimenti e operatori è diventato ancora più difficile per le misure di contrasto al Covid-19. Nel nord-ovest della Siria, ad esempio, ci sono 24 centri di isolamento e 12 ospedali Covid-19, ma non saranno sufficienti se la pandemia continuasse a diffondersi. Ancora oggi, MSF continua a denunciare le preoccupanti condizioni della popolazione siriana e chiede di aumentare la fornitura di aiuti umanitari, drammaticamente necessari per la sopravvivenza di milioni di persone.