Siria, Di Maio: dopo azione Turchia rischio foreign fighter -2-

Dmo

Roma, 8 nov. (askanews) - "Quello che succede in Siria mi preoccupa non per l'Italia ma in generale, perché le comunità curde avevano carceri in cui erano detenuti sia combattenti locali che foreign fighter".

"Il 14 novembre la coalizione internazionale anti-Daesh nella sua versione small group si riunisce a Washington per fare il punto della situazione. L'intervento di Stati Uniti e Russia dimostra che c'è apprensione nella comunità internazionale. Intanto l'Italia ha sospeso l'export degli armamenti verso la Turchia perché non vogliamo avere nulla a che fare con queste iniziative", ha concluso al Forum Ansa.