Siria, dopo la tregua nuovi bombardamenti ad est di Damasco

Ancora bombardamenti nelle zone ad est di Damasco, a meno di 24 ore dal rinnovo della tregua armata siglata con le forze russe tramite la mediazione dell’Onu. Secondo l’Osservatorio Siriano dei diritti umani, diversi raid aerei insieme a colpi di artiglieria si sono abbattuti su tre città nella zona di Ghouta.

Stando alle informazioni diffuse da alcuni media vicini ad Hezbollah, alleato di Damasco, l’esercito governativo avrebbe voluto colpire dei gruppi jihadisti un tempo conosciuti per il legame con Al Quaeda che si trovavano nella città di Irbeen. Le forze militari siriane non hanno commentato la notizia.

Negli ultimi giorni le forze governative hanno portato avanti la stretta sulla periferia ad est di Damasco, ancora in mano dei ribelli come nel caso della città di Qaboun.

#Syria || NE #Damascus

Video: widespread destruction in Qaboun neighborhood in as a result of heavy regime attackshttps://t.co/WkiCouxpNx pic.twitter.com/VydHxtcu8u— FSA News (@FSAPlatform) 8 marzo 2017

L’intenzione dell’esercito siriano è quella di spingere le forze di opposizione ad accettare il cessate il fuoco, sull’esempio di quanto avvenuto a nord del paese.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità