Siria, droni Usa mostrano attacchi contro civili curdi (Wsj) -2-

A24/Pca

New York, 12 nov. (askanews) - Tre settimane fa, Jim Jeffrey, rappresentante speciale del presidente Donald Trump per la Siria, ha detto che gli Stati Uniti stanno indagando sulle accuse di crimini di guerra commessi dalla Turchia, durante la sua offensiva militare in Siria. Parlando davanti alla commissione Esteri della Camera statunitense, Jeffrey ha detto: "Non abbiamo visto prove diffuse di pulizia etnica [...] abbiamo visto molti episodi che consideriamo crimini di guerra". Jeffrey ha parlato il giorno dopo il cessate il fuoco "permanente" raggiunto tra Ankara e i curdi.

Due giorni prima, il ministro della Difesa statunitense, Mark Esper, aveva detto che la Turchia potrebbe aver compiuto dei crimini di guerra in Siria. "Ho visto i rapporti [sui crimini, ndr], sono orribili; se accurati, e presumo che lo siano, sarebbero dei crimini di guerra". Un rapporto di Amnesty International accusa le forze militari turche e i gruppi armati siriani sostenuti da Ankara di aver commesso crimini di guerra nel nord-est della Siria durante le recenti incursioni per cacciare i curdi, avvenute dopo il ritiro dei soldati statunitensi.