Siria: Erdogan attacca leader occidentali: "Ipocriti con noi"

Fth

Roma, 18 ott. (askanews) - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha attaccato oggi l'Occidente, accusando "i leader occidentali" di essere stati "ipocriti con noi" durante l'offensiva lanciata dal suo esercito lo scorso 9 ottobre e sospesa ieri contro le forze curde nel Nord-est siriano. Lo riferiscono media ufficiali turchi.

"I leader occidentali che ci hanno chiamato per chiederci di interrompere la nostra operazione in Siria hanno dato prova di ipocrisia". La Turchia, ha ricordato il presidente, non avrà problemi e non compierà "altre operazioni militari nel Nord-est della Siria se la Russia rimuoverà "i terroristi" curdi di Ypg anche da Minbij e Kobane", ha detto il capo dello Stato, come ha riportato l'agenzia di stampa statale Anadolu.(Segue)