Siria, forze Damasco entrano a Raqqa e Kobane

webinfo@adnkronos.com

Le truppe siriane sono entrate a Raqqa e a Kobane. Lo riferisce la tv al-Mayadeen, aggiungendo che Damasco sta dispiegando le sue forze militari nella città di Kobane - nel nord della Siria al confine con la Turchia, 150 chilometri a nord di Aleppo, e alla periferia della città.  

Secondo l'emittente, a Raqqa - roccaforte dell'Isis in Siria - le forze fedeli al leader siriano Bashar al-Assad hanno allestito punti di osservazione. La città nell'ottobre del 2017 era stata liberata dalla presenza dei jihadisti dell'Isis dall'alleanza curdo-araba delle Forze democratiche della Siria (Fds). 

L'Osservatorio siriano per i diritti umani, riporta invece di lanci di razzi tra le forze fedeli al governo siriano e le "fazioni" filo-turche nelle aree a ovest e a nord-ovest di Manbij, nel nord della Siria. Ieri il ministero della Difesa russo ha annunciato che le forze di Damasco hanno preso il "pieno controllo" delle città situata nella provincia di Aleppo e strappata nel 2016 ai jihadisti dell'Isis dai miliziani curdi delle Ypg sostenuti dagli Usa. Ieri la coalizione internazionale anti-Isis a guida Usa ha annunciato il ritiro dalla città. 

Sempre la ong riferisce che due persone tra le forze di Damasco sarebbero morte a causa di un attacco dell'artiglieria delle truppe turche e dei ribelli alleati che nella notte avrebbe centrato un avamposto delle forze siriane nel nordest della Siria. Ci sarebbero anche diversi feriti tra le forze di Damasco. Secondo quanto si legge sul sito web dell'Osservatorio, i militari turchi e i ribelli alleati hanno attaccato un'area a est di Ayn Issa, teatro - ieri pomeriggio - di scontri tra le forze turche e l'alleanza curdo-araba delle Forze democratiche della Siria (Fds). Stando agli attivisti, negli scontri sono morti nove combattenti delle Fds e 21 ribelli sostenuti dalla Turchia.