Siria, leader curdo: accordo con Damasco solo "militare"

Sim

Roma, 17 ott. (askanews) - L'accordo con il governo di Damasco è stato "necessario" ed è solo "militare". Lo ha sottolineato il comandante Mazloum Kobani delle Forze democratiche siriane (Sdf), l'alleanza dominata dalle milizie curde di Ypg (Unita di Difesa del Popolo) considerate delle forze terroristiche dalla Turchia.

L'accordo raggiunto domenica scorsa dalle forze curde con Damasco, a seguito dell'offensiva militare lanciata da Ankara dopo il ritiro dei militari Usa, prevede il dispiegamento delle forze armate siriane in città importanti come Manbij, e lungo la zona di confine con la Turchia.

Parlando all'emittente tv Ronahi, affiliata all'Sdf, Kobani ha fatto sapere che ci saranno altri negoziati con Damasco una volta respinte le forze turche.