Siria, Malan (Fi): posizione governo italiano troppo debole

Pol-Afe

Roma, 30 ott. (askanews) - "La posizione che il governo italiano ha ribadito oggi e che la maggioranza ha fatto propria nella risoluzione è troppo debole. Con le parole non si riuscirà a far nulla. Occorre che l'Italia si faccia promotrice di un'azione forte affinché l'Ue sia più presente in Siria. Non si può accettare che lo siano solo la Russia, gli Usa e la Cina che ovviamente tutelano solo i loro interessi. Noi continuiamo a pensare che serva una forza di interposizione tra Siria e Turchia che metta al riparo il popolo curdo, a cui si deve solidarietà concreta per lo scontro vincente che ha portato alla sconfitta dello stato islamico". Lo ha detto nell'Aula del Senato Lucio Malan vicecapogruppo vicario di Forza Italia durante le dichiarazioni di voto sulle mozioni presentate dopo le comunicazioni del ministro degli Esteri sulla situazione in Siria.

"Dopo la truce azione della Turchia in Siria - ha aggiunto Malan - che ha utilizzato contro i Curdi metodi non dissimili da quelli usati dall'Isis, che vanno assolutamente condannati, bisogna fronteggiare problematiche serissime, come ad esempio, l'eventuale liberazione di tanti foreign fighters che potrebbero ritornare in Europa determinando pericoli gravissimi alla sicurezza".