Siria nord-orientale: MSF costretta a evacuare il personale gion -2-

vgp

Roma, 15 ott. (askanews) - Tuttavia, la situazione attuale, altamente imprevedibile e in rapida evoluzione, ha reso impossibile per MSF negoziare un accesso sicuro per fornire cure mediche e assistenza umanitaria alle persone in difficoltà. Con l'alto numero di gruppi armati coinvolti nel conflitto, MSF non può più garantire la sicurezza del personale siriano ed internazionale.

"Le persone nel nord-est della Siria hanno già vissuto anni di conflitti e instabilità. Gli ultimi sviluppi hanno solo aumentato la necessità di assistenza umanitaria, ma è impossibile fornirla con l'attuale livello di insicurezza" dichiara Robert Onus, responsabile dell'emergenza MSF in Siria. "È con il cuore pesante che MSF ha preso la difficile decisione di sospendere la maggior parte delle sue attività ed evacuare lo staff internazionale dal nord-est della Siria. Non possiamo operare su vasta scala fino a quando non avremo l'assicurazione e l'accettazione da parte di tutte le parti in conflitto che possiamo svolgere la nostra azione in sicurezza".

(Segue)