Siria, Save the Children: 200.000 bambini sfollati -3-

red/Mgi

Roma, 31 gen. (askanews) - Hayat *, dieci anni, fuggita dalla città di Ma'arat Nu'man dopo l'escalation di violenza vive ora in una tenda in un parco giochi adibito a rifugio collettivo a Idlib. Ha raccontato: "Hanno colpito le nostre case, il mercato, ci siamo spaventati. Siamo fuggiti e qui le persone ci hanno accolto nelle loro case ".

Anche il vicino di Hayat, Karim*, è fuggito con la sua famiglia da Ma'arat Nu'man. Ha detto agli operatori di Save the Children: "E' stato un viaggio terribile. Abbiamo lasciato tutte le nostre cose, siamo partiti solo con i vestiti che indossavamo. Siamo stati ignorati fino a quando Dio non ci ha inviato brave persone che ci hanno condotto da un posto all'altro fino ad arrivare qui. Una volta, mentre eravamo seduti, abbiamo assistito a un attacco aereo che ha colpito a circa 200 metri da questo campo in cui alloggiamo. La situazione qui è grave, non ci sono servizi, la pioggia sta inondando le tende. I bambini hanno freddo e non c'è riscaldamento, non c'è alcun sostegno". (Segue)