Siria, Save the Children denuncia catastrofe umanitaria a Idlib -2-

Fco

Roma, 14 feb. (askanews) - Secondo le Nazioni Unite, da dicembre circa 700.000 persone, su una popolazione di 3 milioni, sono state costrette a fuggire dalle loro case nel Nord-Ovest della Siria a causa delle continue ostilità. E' il maggior numero di sfollati in un solo periodo da quando la crisi siriana è iniziata quasi nove anni fa.

"La portata di questa fuga è terrificante. È la prima volta che vediamo un'onda di sfollati così grande dall'inizio del conflitto. Le persone stanno abbandonando le proprie case senza avere un posto dove stare e senza sapere dove andare. A volte finiscono per vivere con i parenti nei campi o nelle tende che acquistano. Adesso fa molto freddo e i bambini sono particolarmente vulnerabili. Alcuni stanno morendo a causa delle temperature rigidissime, che aggravano ulteriormente le già estreme condizioni dei bambini, che vivono nella paura e vengono privati di tutto, a partire dal cibo e dal loro diritto all'istruzione", ha dichiarato Hurras Network, dell'organizzazione partner di Save the Children a Idlib. (Segue)