Siria, scontri al confine nonostante tregua

webinfo@adnkronos.com

Le forze turche e le "fazioni" a loro affiliate hanno lanciato razzi contro la città siriana di Ras al-Ayn, situata lungo il confine, nonostante l'accordo su un cessate il fuoco che stabilisce lo stop di 120 ore ai combattimenti nel nord della Siria per permettere il ritiro dei curdi. Lo ha reso noto l'Osservatorio siriano per i diritti umani, organizzazione con sede in Gran Bretagna legata agli attivisti delle opposizioni. 

Secondo gli stessi attivisti, la calma prevale invece nelle altre località teatro nei giorni scorsi di scontri. Prima dell'annuncio della tregua, precisa l'Osservatorio, i caccia turchi hanno bombardato alcuni villaggi alla periferia di Ayn Issa provocando diversi feriti. Inoltre 20 persone sono rimaste ferite durante i festeggiamenti per la notizia dello stop alle ostilità che si sono tenuti ad al-Hasakeh e Qamishli. 

Trump: "Turchi e curdi come due bambini, li ho fatti combattere un po'"