Siria, Turchia: Usa e Russia non rispettano i propri impegni -2-

Ihr

Roma, 18 nov. (askanews) - Dopo degli incontri separati tra il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e i suoi omologhi russo Vladimir Putin e americano Donald Trump, sono stati raggiunti due accordi con Mosca e Washington per il ritiro delle YPG dalla Siria nord-orientale. "Se non otteniamo il risultato desiderato, faremo la cosa giusta come abbiamo fatto nell'operazione (avviata) dopo aver provato con gli Stati Uniti", ha dichiarato Mevlut Cavusoglu in una commissione parlamentare. "Dobbiamo eliminare la minaccia terroristica alla nostra porta", ha aggiunto.

Il ministro ha fatto riferimento agli sforzi dei funzionari turchi e statunitensi per ritirare gli YPG dalla Siria nordorientale dopo le ripetute minacce di intervento militare di Erdogan dal 2018. Ankara considera l'YPG come un'emanazione "terroristica" del Partito curdo (Pkk), che conduce un'insurrezione in Turchia dal 1984.