Siria, Unicef: nel 2019 già 1.792 gravi violazioni contro bambini -4-

Red/Orm

Roma, 21 nov. (askanews) -

Rukban

Al 18 novembre, circa 12.000 persone erano rimaste in insediamenti informali a Rukban sul confine con la Giordania - la metà di questi sono bambini. La situazione umanitaria è critica, cibo, servizi sanitari e acqua pulita sono estremamente scarsi.

L'accesso umanitario è molto ristretto. Da novembre 2018, l'assistenza umanitaria a Rukban è stata fornita attraverso 3 convogli interagenzie. I convogli più recenti hanno distribuito cibo e aiuti nutrizionali sufficienti per almeno 3.000 famiglie per un mese. Con l'arrivo dell'inverno è fondamentale che le parti in conflitto facilitino l'accesso umanitario per raggiungere i bambini che hanno bisogno di aiuto ovunque essi siano nel paese e a prescindere da chi controlli l'area in cui vivono.

L'UNICEF fino ad oggi in Siria ha:

Raggiunto oltre 2 milioni di persone con aiuti idrici e 1 milione di persone con interventi di emergenza per l'acqua e i servizi igienico sanitari (che comprendono kit igienici per le famiglie, sapone e pastiglie per potabilizzare l'acqua) Oltre 1,2 milioni di bambini e membri di comunità sono stati formati sui rischi delle mine antiuomo e 11.751 bambini hanno ricevuto assistenza specializzata. Oltre 7.400 bambini con disabilità hanno usufruito di servizi di gestione dei casi e assistenza in denaro. Per l'inverno 2019 - 2020 l'UNICEF fornirà kit di abiti invernali a 356.000 bambini. L'UNICEF ha raggiunto 1,3 milioni di bambini con istruzione formale e 221.000 bambini con istruzione informale.

Mancano solo 6 settimane alla fine dell'anno, le operazioni di emergenza dell'UNICEF in Siria sono state finanziate per il 60%. Dei 295 milioni di dollari richiesti nel 2019, ne sono stati ricevuti 180 milioni".