Siria, virale la foto di due sorelle sotto le macerie dopo un raid

Sim

Roma, 26 lug. (askanews) - Due bambine tra le macerie di un edificio colpito da un raid aereo nel Nord-Ovest della Siria, con la più grande, Riham, 5 anni, schiacciata da un blocco di cemento, che tiene per la maglia la più piccola, Touka, sette mesi, sospesa a diversi metri dal suolo. Più in alto, un uomo disperato che cerca di raggiungerle portandosi le mani sulla testa. Questa l'immagine scattata dal fotografo Bashar el-Sheikh, dell'emittente locale SY24, e diventata virale.

La fotografia è stata scattata mercoledì scorso ad Ariha, nella provincia di Idlib, dopo un bombardamento. Le due sorelle sono cadute dall'edificio poco dopo la scatto: portate in ospedale, Riham è morta poco dopo, mentre Touka è "in terapia intensiva per trauma cranico", ma "le sue condizioni sono stabili", ha detto alla France presse il medico Ismail.

Nell'attacco aereo sono rimaste uccise la mamma e una sorella delle due bambine, Rowane, 3 anni. Altre due sorelle sono rimaste ferite.

Oggi il Commissario Onu per i diritti umani, Michelle Bachelet ha denunciato "l'indifferenza" della comunità internazionale di fronte al crescente numero di vittime civili dei continui raid aerei, riferendo di oltre 100 morti, tra cui almeno 26 bambini, in raid aerei messi a segno negli ultimi 10 giorni.