Siria, visita di due giorni dei capi Unicef e Wfp -4-

red/Mgi

Roma, 5 mar. (askanews) - Più a nord, ad Idlib, la situazione dei bambini e delle famiglie è ancora più critica. Negli ultimi tre mesi, più di mezzo milione di bambini sono sfollati, una media di 6.000 al giorno. Circa 180 scuole non funzionano perché sono state distrutte, danneggiate o utilizzate come rifugio per le famiglie sfollate. I prezzi dei prodotti alimentari sono aumentati del 120 per cento rispetto allo scorso anno.

Nel frattempo, nel nord-est del paese, decine di migliaia di bambini continuano a deperire nei campi sfollati, privati dei servizi più elementari nonostante gli sforzi significativi dei partner umanitari. Circa 28.000 bambini provenienti da oltre 60 paesi, tra cui 20.000 dall'Iraq, rimangono bloccati nel campo di Al Hol, respinti dai loro governi ed emarginati dalle loro comunità. (Segue)