Sisto (Fi): ergastolo? principi civiltà della pena vanno rispettati

Pol/Bac

Roma, 7 ott. (askanews) - "Rispetto all'ergastolo ostativo Forza Italia, come sempre, si basa sul rispetto della carta costituzionale: l'articolo 27 stabilisce che le pene non possano essere contrarie al senso di umanità. Il punto nevralgico è verificare se e come questo tipo di ergastolo sia compatibile con i principi di civiltà espressi dalla nostra Costituzione e dalla Carta dei diritti dell'Uomo. Restano invece delle perplessità sulla scelta di sottomettere il regime sanzionatorio a forme di collaborazione processuale: possono crearsi situazioni paradossali per cui un soggetto, se non vi è altro modo per avere un beneficio, è pronto anche a raccontare il falso". Così a Tgcom24 il deputato di Forza Italia Francesco Paolo Sisto che poi sulla riforma della giustizia ha commentato: "Al momento non c'è alcun progetto concreto che faccia capire quale sia questo siero miracoloso che dovrebbe guarire la giustizia dalla lunghezza dei tempi. Ci batteremo contro il 'processo eterno', causato dal blocco della prescrizione voluto da Bonafede, e il tentativo spregiudicato di trasformare il processo da strumento di garanzia in luogo amato dalla inquisizione".