Smartphone in Europa, il mercato cala dell'11%: peggior risultato dall'inizio della pandemia

(Adnkronos) - Il mercato europeo degli smartphone è sceso dell'11 per cento rispetto all'anno precedente nel secondo quarto del 2022, per un totale di 40 milioni di unità distribuite, secondo l'ultimo studio di Counterpoint Reasearch. Si tratta della peggiore performance dal 2020, all'inizio della pandemia di Covid-19. La recessione economica e la scarsità di semiconduttori hanno agito come rallentamento delle vendite, e lo stop delle vendite in Russia ha fatto il resto. Samsung resta l'azienda numero uno in Europa per quanto riguarda le vendite di smartphone, ma anche il gigante coreano si è visto costretto a distribuire molte meno unità a causa delle chiusure di fabbriche in Vietnam. Nonostante una crescita rispetto all'anno precedente, c'è stato quindi un calo in confronto allo scorso quarto del 2022. Apple ha affrontato gli stessi problemi, nonostante un ottimo successo di vendite del nuovo iPhone SE, accolto dagli utenti come il primo vero smartphone 5G della Mela ad avere un prezzo abbordabile. Xiaomi è calata drasticamente rispetto all'anno precedente, sempre per problemi di approvvigionamento, ma è stata l'azienda che ha più beneficiato dall'addio di Samsung e Apple al mercato russo, crescendo considerevolmente in tutta l'Europa dell'est. Anche Oppo ha sofferto per problemi con la linea di produzione in Cina, mentre Realme ha visto la distribuzione dei suoi smartphone crescere di un punto percentuale rispetto al 2021.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli