Smascherato dalle Iene, denunciato perchè faceva prostituire l'amico a 4 zampe

·1 minuto per la lettura
Bergamo, fa prostituire il cane, scoperto poi dalle Iene
Bergamo, fa prostituire il cane, scoperto poi dalle Iene

Era il lontano novembre 2018 quando un collaboratore delle Iene, Emanuele Flaminio, aveva smascherato Giovanni Sulas, 58 anni, di Seriate, fingendosi cliente dello stesso Sulas e poi era uscito alla scoperto insieme alla troupe. Ora per il bergamasco è arrivata la vera condanna a 2 anni e 4 mesi, in abbreviato, per maltrattamento di animali ed in aggiunta anche per estorsione. L’accusa è di avere usato un american staffordshire terrier di un amico a fini della prostituzione. Fondamentalmente l’uomo organizzava incontri a luci rosse in un appartamento a Redona, un quartiere di Bergamo.

Fa prostituire il cane, scoperto dalle Iene e condannato

Negli annunci online Giovanni Sulas parlava in maniera chiara di sesso.

É grazie all’inviato del programma di Italia Uno, che, invece, è nata l’ipotesi di estorsione, poichè il gionalista in un primo momento si era presentato all’appuntamento e aveva fatto alcune domande a Giovanni Sulas. In un secondo momento, tuttavia, si era tirato indietro. Sulas, però, aveva preteso da Flaminio 20 euro, in quanto senza quei soldi non lo avrebbe fatto uscire dall’appartamento.

Era così scattata la denuncia ai carabineri. Ed oggi addirttura la sentenza del gup Federica Gaudino. Giovanni Sulas è assistito dall’avvocato Gianfranco Ceci ed ha negato che ci sia stata questa estorsione. Lo stesso Ceci sottolinea come fuori dalla porta c’era la troupe e, dunque, dal loro punto di vista la situazione non era tale da provocare alcun tipo di timore.

Per quanto riguarda il povero cane, quest’ultimo è stato restituito al proprietario, che come precedentemente detto era anche amico di Sulas. Il padrone ha affermato di non avere mai saputo nulla di questa macabra faccenda.