Smog: India il Paese che emette più SO2, in Russia l'impianto più inquinante

webinfo@adnkronos.com

E' l'India il Paese che inquina di più. Ma a vantare il triste record dell'impianto industriale più inquinante al mondo è la Russia. E' la geografia globale dello smog mappata da Greenpeace India, grazie ai dati della Nasa relativi alle più importanti fonti di SO2, l'anidride solforosa, considerato uno dei principali inquinanti e tra i maggiori responsabili delle morti causate dall'inquinamento atmosferico.  

In generale, non c'è da stare sereni, visto che secondo il rapporto il 90% della popolazione mondiale vive in aree in cui la qualità dell'aria è insalubre. Ad aprire la classifica dei Paesi che inquinano di più, però, c'è l'India, responsabile da sola del 15% delle emissioni globali di anidride solforosa. Il Paese ha scalzato, dal triste podio, Cina e Russia che si piazzano rispettivamente al secondo e terzo posto, seguiti nella top five dei Paesi inquinatori da Messico e Iran.  

La Russia però mantiene un altro record negativo: ospita sul suo territorio l'impianto industriale più inquinante al mondo, il complesso metallurgico di Norilsk. Al secondo posto nella lista degli impianti industriali più inquinanti si trovano le centrali elettriche a carbone pubbliche del Sudafrica situate nella provincia di Mpumalanga; al terzo, il complesso petrolchimico della società Zagros, situato ai margini delle acque del Golfo Persico, che in Iran è la terza più grande fonte di inquinamento da anidride solforosa al mondo. 

E l'Europa? Non va meglio nei Paesi dell'Est. Tra i 20 Paesi più inquinanti al mondo, sempre per quanto riguarda il biossido di zolfo, ci sono infatti Ucraina, Serbia e Bulgaria, e la colpa per Greenpeace è delle centrali elettriche a carbone. Quattro quelle europee che figurano tra le più inquinanti del pianeta.  

Ma da dove arriva questo inquinamento atmosferico? Secondo lo studio, centrali elettriche a carbone e petrolio insieme con le raffinerie sono responsabili dei due terzi delle emissioni di SO2 monitorate dalla Nasa, seguite dalle fonderie di metalli. Nel 2016, il 26% delle emissioni globali di anidride solforosa sono state causate dalle centrali elettriche a carbone. 

Complessivamente, l'inquinamento atmosferico è responsabile della morte di 7 milioni di persone all'anno nel mondo, di cui 600.000 sono bambini; 422.000 le morti premature registrate solo nel 2015 in Europa.