Società italiana Igiene: meno vaccini, cala percezione rischio

featured 1601330
featured 1601330

Milano, 27 apr. (askanews) – Il fenomeno dell’infodemia e delle problematiche comunicative connesse alle vaccinazioni rende probabile un’esacerbazione del fenomeno dell’esitazione vaccinale, non solo in relazione ai vaccini Covid-19, ma anche nei confronti delle vaccinazioni del calendario vaccinale nazionale. Partendo da queste preoccupazioni, in occasione e nel corso della Settimana Europea delle Vaccinazioni 2022, la Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha deciso di presentare il documento “10 Azioni SItI per affrontare l’esitazione vaccinale in Italia”.

“La quarta dose di vaccino per il Covid non decolla – ha detto ad askanews il presidente della Società italiana di Igiene, Antonio Ferro – e questo provocherà dei problemi. Tutto ciò è dovuto al fatto che diminuisce la percezione di rischio nella popolazione sul tema delle malattie e contestualmente aumenta un sentimento di paura nei confronti delle vaccinazioni”.

“E’ fondamentale monitorare il fenomeno sui media e sui social – ha aggiunto Ferro – poi serve un’adeguata formazione per gli operatori sanitari, che devono avere dati forti e strumenti nuovi per informare. Il terzo aspetto riguarda una sinergia tra le società scientifiche e i mass media, in modo che tutti gli attori della filiera vaccinale diano lo stesso messaggio. E’ traumatico per la popolazione sentire qualche medico che parla contro le vaccinazioni”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli