Società sigillate nel blitz contro 'ndrangheta a Reggio Calabria

Cro/Ska

Roma, 31 lug. (askanews) - "Libro Nero" è il nome che gli investigatori della Polizia di Stato hanno dato all'operazione nel corso della quale, dalle prime ore di questa mattina, nella provincia di Reggio Calabria, sono stati eseguiti numerosi arresti e perquisizioni nei confronti di esponenti della 'ndrangheta reggina. L'inchiesta della D.D.A. di Reggio Calabria sviluppata con un'articolata indagine condotta dalla Squadra Mobile del capoluogo reggino, con il supporto dello S.C.O., ha consentito di ricostruire gli assetti e le dinamiche operative della cosca LIBRI, una delle più potenti articolazioni della 'ndrangheta unitaria, che controlla nella città di Reggio Calabria i quartieri Cannavò, Condera, Reggio Campi, Modena, Ciccarello, San Giorgio e le frazioni di Gallina, Mosorrofa, Vinco e Pavigliana. Nel corso dell'operazione, gli investigatori della Polizia di Stato stanno mettendo i sigilli a numerose società riconducibili agli appartenenti alla cosca, operanti nel settore edilizio, immobiliare e della ristorazione, il cui valore complessivo, nell'ordine di diversi milioni di euro, è in corso di esatta quantificazione.