Soffri di mal di mare? Ecco tutti i rimedi per sconfiggerlo

·6 minuto per la lettura
Photo credit: EMS-FORSTER-PRODUCTIONS - Getty Images
Photo credit: EMS-FORSTER-PRODUCTIONS - Getty Images

Le vacanze si avvicinano e per molte persone il mal di mare diventa un problema, se per raggiungere una meta turistica bisogna prendere un traghetto o anche solamente per fare un’escursione in mare aperto o sul lago... un peccato! Ma il rimedio c'è...

Soffrire il mal di mare: sintomi e cause

Ci sono diversi fattori che possono concorrere alle cause del mal di mare, per esempio la tipologia di imbarcazione su cui si viaggia: le condizioni particolari di mare agitato possono mettere a dura prova la resistenza anche dei soggetti più abituati a viaggiare, in generale il disturbo del mal di mare può essere causato da una errata comunicazione degli occhi e dell’apparato vestibolare con il cervello, in sintesi dagli occhi giunge l’informazione di essere fermi mentre dall’apparato vestibolare arriva il segnale di movimento.

Photo credit: Jordan Siemens - Getty Images
Photo credit: Jordan Siemens - Getty Images

Mentre siamo in viaggio iniziamo a percepire una sensazione di malessere che spesso si accompagna a uno stato d’ansia, che rende impossibile continuare a effettuare le attività che si stavano conducendo. Altri sintomi che possono comparire in seguito sono sudorazione fredda, pallore, cefalea, nausea e vomito. Se soffri spesso di mal di mare al punto da non riuscire a trattenere il vomito, è consigliabile tenere accanto a te una busta o un sacchetto di plastica che attenuano la paura di dover rimettere all’improvviso. Se la nausea è accentuata dagli odori presenti nella nave o nell’imbarcazione, ovviamente ti consigliamo di cambiare posizione, magari optando per una sistemazione all’aperto; ricordiamoci che tutti i sintomi spariscono sempre più o meno velocemente alla fine del viaggio.

Mal di mare: i rimedi

Il mal di mare può essere considerato un disturbo comportamentale, quindi non dovrebbe essere necessario un trattamento farmacologico. I migliori "aggiustamenti" rimangono quelli tradizionali detti anche "della nonna": antichi, naturali ma sempre efficaci, come seguire alcune regole di alimentazione, stare all’aria aperta e guardare l’orizzonte. Per quanto riguarda l’alimentazione, per chi deve affrontare un viaggio in mare è sconsigliato farlo a stomaco vuoto ma anche a pancia troppo piena: prima di partire è preferibile fare uno spuntino leggero, a cui consigliamo di abbinare un bicchiere di succo di mela che sarà d’aiuto grazie al suo apporto di zuccheri naturali e per l’idratazione durante il viaggio. Meglio evitare invece il succo d’arancia, che può infastidire lo stomaco già disturbato. Stai lontana anche da alcool, latte, formaggi, cibi grassi o troppo zuccherati, caffè e the. Ingerire qualcosa di solido è sempre d’aiuto, molti tengono una fettina di limone in bocca e in tanti utilizzano la Coca Cola come rimedio al mal di mare. Anche lo zenzero è uno dei rimedi naturali più noti e potenti per prevenire e alleviare la nausea per chi soffre di questo patologia, così come l’olio essenziale di menta peperita assunto per inalazione è un rimedio efficace per i sintomi della chinetosi. Come già detto, in generale il consiglio più comune è stare all’aperto per meglio godere della brezza marina: oltre a respirare a pieni polmoni l’aria salmastra potrai osservare le onde e prevedere i movimenti della barca, e ricordati che il mal di mare in generale si combatte anche osservando un punto fisso all’orizzonte. Questa pratica permette di comunicare ai centri nervosi del cervello, tramite la vista, un senso di stabilità fisica, ritrovando l’equilibrio.

Photo credit: Hollie Fernando - Getty Images
Photo credit: Hollie Fernando - Getty Images

Cibi contro la nausea

Approfondiamo il discorso legato agli alimenti che aiutano ad alleviare la nausea, che sono principalmente nove: zenzero, menta, crackers o gallette, acqua, noci, brodo vegetale, banane, sport drinks e mele. Le capsule di zenzero in polvere sono efficaci nella riduzione dei sintomi. L’aroma rinfrescante della menta da solo può essere sufficiente per sentirsi meglio, ma in realtà masticare menta fresca o bere una tazza di tè alla menta è considerato un rimedio ancora più efficace contro la nausea. Gli alimenti ricchi di amido come crackers o gallette aiutano ad assorbire l’acido gastrico e stabilizzare lo stomaco; una galletta senza odore e con poco sapore ha le caratteristiche giuste per stoppare la nausea. Piccoli sorsi da un bicchiere di acqua naturale aiuteranno a rimanere idratati e a evitare il mal di testa che spesso accompagna la nausea, è meglio iniziare a bere piccole quantità. La mancanza di proteine può far peggiorare la nausea, quindi è bene cercare alimenti ricchi di proteine ma facili da mangiare e da digerire come le noci. Il brodo vegetale può essere una buona soluzione perché ha al suo interno quel poco di sodio che aiuta nell’idratazione. Se la nausea è accompagnata da disidratazione si può optare per un piccolo pezzo di banana: le banane ripristinano il potassio e sono anche stringenti in caso di problemi allo stomaco. La maggior parte delle bevande sportive contengono elettroliti di sodio e potassio, piccoli sorsi di queste bevande posso favorire l’idratazione e reintegrare gli elettroliti persi con il vomito. Le mele infine possono essere una buona soluzione perché le fibre rallentano la digestione, quindi è possibile che aiutando il transito intestinale si migliori il senso di nausea.

Cerotti e pastiglie contro il mal di mare

In casi estremi, ricorrere ai farmaci può essere una soluzione soprattutto per i soggetti emicranici o che soffrono già di disturbi a livello vestibolare. I più utilizzati sono quelli a base di scopolamina, prometazina e dimenidrinato. Ci sono anche cerotti da applicare dietro l’orecchio due ore prima di salire a bordo, i bracciali anti nausea e delle formulazioni sotto forma di gomma da masticare che vanno assunte nel momento in cui compaiono i primi malesseri legati al viaggio. Molto utilizzati la Xamamina o il Travelgum, di solito si prendono mezzora prima di partire. Attenzione però: per ogni soluzione di questo tipo è però sempre bene chiedere prima un consiglio al proprio medico.

Photo credit: Olga Shevtsova / EyeEm - Getty Images
Photo credit: Olga Shevtsova / EyeEm - Getty Images

Il braccialetto anti mal di mare

Un’altra soluzione possono essere i braccialetti antinausea, conosciuti in farmacia come Seaband: sono polsini provvisti di un bottone rigido che va posizionato circa tre dita sotto il polso per “stimolare” un particolare punto che, secondo la medicina cinese, è coinvolto nei meccanismi che generano la nausea. Non tutti credono nei "poteri" del braccialetto per il mal di mare: alcuni ritengono infatti che sia una sorta di effetto placebo, ma è altrettanto vero che in molti non si imbarcano senza un braccialetto per il mal di mare, sicuri che possa salvaguardare da ogni malessere possibile. La sua efficacia non è scientificamente provata, ma qualora volessi provare sappi che questi braccialetti costano circa dieci euro e si possono trovare in tutte le farmacie oppure facilmente anche online.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli