Sofri, Tuti e perché bisogna smetterla con l'abuso di definire le persone "ex"

·2 minuto per la lettura
Hp (Photo: Hp)
Hp (Photo: Hp)

Contestando giustamente le proteste accanite che si sono sollevate per la partecipazione a un convegno di estrema destra (dopo 46 anni di detenzione) di Mario Tuti, Adriano Sofri sul “Foglio” sottolinea l’assurdità di definire Tuti “ex terrorista nero”. Bello l’articolo, ma secondo me ci sono altre ragioni sottolineare l’abuso di quell’”ex”.

L’exeità, se piace questo termine, è una condizione molto precisa del rapporto che ciascuno coltiva con il proprio passato, politico ed esistenziale in particolare. Si è ex comunisti se si abbandona con dolore il comunismo, che ancora esiste, per diventare qualcos’altro al termine di un viaggio mentale più o meno accidentato. Si è ex fascisti per la stessa ragione, anche con lo stesso dolore, non esiste exeità senza dolore. Posso definirmi ex credente se mi accorgo di non credere più in ciò a cui credevo, e così via.

Ma Tuti non è più un terrorista nero non perché abbia abbandonato altri estremisti neri, ma prima di tutto perché non c’è più il terrorismo nero. E’ insensato, per quanto ampiamente abusato nel linguaggio corrente, anche definire “ex brigatista” un militante delle Brigate Rosse che appunto non esistono più da un pezzo. Se chiude una ditta, un dipendente licenziato non è più un ex dipendente di quella ditta, è semplicemente dipendente di un’altra ditta (o disoccupato se è sfortunato).

Oppure,se uno cambia volontariamente ditta non può più essere definito come un ex: ne verrebbe mutilata la sua identità attuale. Marco Tardelli non è un ex giocatore della Juve, me semplicemente un giocatore di calcio che non gioca più al calcio. Si comprende l’intenzione di Sofri di evitare che una persona sia perennemente inchiodata al suo passato, soprattutto dopo aver scontato una lunga pena. Ma l’exeità, credo, è tutta un’altra cosa.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli