"Sogno svanito", grillini contro l'alleanza 5S-Pd

webinfo@adnkronos.com

E' bastato un tweet di un comune militante cinquestelle perché sui social si aprisse un dibattito sull'alleanza M5S-Pd. Alleanza che, stando almeno a quanto si legge fra i 'cinguettii' in rete, non solo non piace, ma delude buona parte dei commentatori più ortodossi, sordi anche alle ragioni del Movimento e dei suoi capi. A dare il via alla discussione è l'utente 'Patriota A 5 Stelle', che nella mattinata di ieri ha dato libero sfogo sui social alla frustrazione covata da giorni dopo l'apertura degli inediti e inaspettati scenari politici. "Ma sono l'unico 5 Stelle impazzito? Solo io - si è chiesto 'il Patriota' - provo un senso di tristezza perché sento che il nostro sogno, quello di Gianroberto, è svanito in 2 settimane? Come cavolo fate ad accettare un governo con il pd? COME?".  

E alla richiesta dell'utente ecco arrivare - in una sorta di confessionale social per cinquestelle delusi - oltre 1000 like, centinaia di retweet e decine e decine di risposte. "Non sei solo", quella più gettonata. "Come si è potuto svendere il movimento ai peggior nemici. Solo per le poltrone. Era meglio votare e rimanere fedeli al proprio elettorato", il commento di Maria, seguita da Paolo, per il quale Gianroberto Casaleggio "da tempo che si sta rivoltando sulla tomba anche a vedere un figlio così indegno che gli ha distrutto tutto con la complicità del giullare ex comico". 

"Ridicoli - incalza Marizar - il PD non vi lascerà fare nessun programma. Di Maio poteva diventare un eroe bloccando sto inciucio e invece... che figura di m....". E ancora Il Deva: "Tre persone che conosco che votavano M5S perché non sopportavano Salvini ma non avrebbero mai votato pd mi hanno detto che al prossimo voto piuttosto che votare M5S o nulla o bianca la scheda ma cito testualmente 'agli infami mai'"."Secondo me siamo/siete in tanti - commenta Bond, che accusa -: Grillo ha ucciso il M5S è l'ha svenduto al PD". "Siamo tantissimi, i poveri illusi!", dice ancora Ros. E poi Cristina, per la quale "si doveva andare al voto, non con il PD". "Il potere - cita Il Risorgimentale - logora chi non ce l'ha e loro non volevano logorarsi". Salev, poi, che concorda "tristemente. Ammetto di essermi allontanato da tempo. Continuo a rispettare chi ci ha creduto (gente per bene). E, forse, chi ci crede ancora. Ma, obiettivamente, il movimento è finito. Non volevo né mi aspettavo questo". 

"Caro Patriota sicuramente non sei l’unico - interviene Fabbonas -, e spero ce ne siano tanti come Te idealisti e coerenti che non hanno svenduto la loro dignità per un pezzo di potere", seguito da Marco, che vuole andare alla conta: "Mi piacerebbe sapere quanti siamo, credo molti", dice. Poi Mauro, che ci va giù durissimo: "A dire il vero - scrive - più che un senso di tristezza dovresti provare un conato di vomito visto che sono stati traditi tutti gli ideali in cambio di poltrone e per il terrore del voto". 

Ma per Maurizio tutto è "semplice. io non li voterò mai più, scegliendo il tradimento dei valori fondanti non hanno più alcun motivo di esistenza, di partiti che predicano A e fanno Z ne abbiamo già in abbondanza, uno in più - sottolinea - non serviva". Della stessa opinione Rosaria, che non rivoterà "sempre che torneremo al voto in un futuro. Ormai - punta il dito - siamo in pieno regime comunista. Li avevo votati per gli ideali anche se alcune facce (Grillo, Di Maio) non m'ispiravano alcuna fiducia. Così come non mi piacque Conte. E avevo ragione". 

"Occhio - l'ammonimento di Gianfra - che ti bastonano! Io ho provato a evidenziarlo prima e sono stato accusato di non esserlo! Ioooooo - se la prende -, è stato veramente pessimo! Credo che tra i 5S ci siano moltissimi sempliciotti che non hanno proprio idea di ciò che succede, che tristezza", dice. E se utenti come Altrimondi provano a portare in casa leghista i delusi - "Mollateli. Votate Lega. Non sono certo la perfezione ma almeno sono davvero contro l’establishment e le élites (basta vedere come si agitano contro Salvini)", l'appello - solo una minoranza si schiera finora in difesa delle ragioni del partito. "Per combattere il sistema, devi entrarci", "mi fido di Di Maio", "un male necessario per il bene comune", tentano di spiegare, ma inascoltati dai più. E a mettere una pietra tombale sui sentimenti del 'Patriota' ci pensa Alessio: "Caro patriota - scrive -, smetti di sognare. Il m5s è morto".