Soldi per cancellare recensioni su Tripadvisor: l'ultima frontiera del turismo sul web

Il web è diventato territorio di sfida e di business più di molti altri media, e la sfida all’ultima recensione è ormai divenuta quotidiana soprattuto per alberghi e ristoranti. Tanto che c’è chi, senza mezzi termini, si propone di “corrompere” i suoi clienti per cancellare i giudizi negativi.

Il Corriere della Sera segnala a questo proposito la vicenda in cui è incappato proprio un suo collaboratore, al quale una struttura di Bolzano alla quale aveva lasciato un giudizio negativo offriva addirittura 150 € per rimuovere il commento

Ma, come è noto, può accadere - e accade - anche il contrario, e cioè che siano gli stessi clienti a ricattare albergatori e ristoratori, minacciando di esprimere giudizi poco lusinghieri per poi ottenere sconti sul pernottamento.  

È in particolare TripAdvisor, come noto, a diventare così il luogo per eccellenza di questo scontro. Proprio qualche giorno fa, d’altro canto, lo stesso Corriere della Sera aveva portato alla luce la vicenda dell’agenzia “Reputation Web by Mediafashion” di Rimini, specializzata nella cancellazione di recensioni non gradite. Come? Facendo leva sulle clausole del regolamento di TripAdvisor, che consentono con “ragionevole certezza”, a parere dell'agenzia, di dimostrare che la recensione negativa viola uno degli articoli e va cancellata.

Resta, dunque, un questione: il più noto sito di recensioni di alberghi e ristoranti del mondo è ancora affidabile?

VIDEO - Italia, TripAdvisor nel mirino dell'antitrust per i commenti finti