"I soldi per rivedere la legge Fornero si devono trovare". Borghi avverte Bankitalia

Huffington Post

Claudio Borghi, il leghista che rivuole la lira, dalle colonne del Corriere della sera attacca la Banca d'Italia e promette riferendosi alle critiche di via Nazionale alla volontà leghista di rivedere la legge Fornero: "Non è che dopo dieci milioni di voti rinunciamo a una promessa elettorale perché lo dice la Banca d'Italia. Ha ragione Di Maio, perché non si candidano?».

E aggiunge:

«È una istituzione benemerita. In passato ho avuto molto da dire contro la Banca d'Italia e anche ora penso che dovrebbero fare autocritica per i gravi errori commessi - aggiunge- Aver consentito il disastro di Montepaschi, la sua condanna a morte con l'acquisto di Antonveneta. Hanno pensato bene di multare me per un credito andato a buon fine, mentre dormivano sulle banche che fallivano. Non hanno fatto le barricate contro il Bail In e ora il problema di tutto è la Lega che vuole cambiare la legge Fornero?".


Non ci sta Borghi sui soldi che mancano: "Per salvare le banche ai tempi di Monti sono saltati fuori 60 miliardi, perché per le pensioni i soldi non ci sono?".

Continua a leggere su HuffPost