"I soldi si usino per creare lavoro": Renzi rivela il quesito per l'abrogazione del Reddito

·1 minuto per la lettura
Italia Viva party leader Matteo Renzi arrives at Montecitorio palace for talks on forming a new government, in Rome, Italy, February 9, 2021. REUTERS/Yara Nardi (Photo: Yara Nardi via Reuters)
Italia Viva party leader Matteo Renzi arrives at Montecitorio palace for talks on forming a new government, in Rome, Italy, February 9, 2021. REUTERS/Yara Nardi (Photo: Yara Nardi via Reuters)

Volete che sia abrogata quella parte del decreto legge del gennaio 2019 che introduce “disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza”? Questo il senso del “quesito referendario per l’abrogazione dell’istituto del reddito di cittadinanza” rivelato al Tg4 dal leader di Iv, Matteo Renzi. “Non abbiamo in Parlamento una maggioranza per eliminare il reddito di cittadinanza - ha spiegato Renzi - che non è una misura a favore dei poveri. I poveri restano poveri ma sono subalterni ai politici, è voto clientelare. Noi vogliamo che questi soldi vengano usati per creare lavoro, non sussidi. Sono convinto che quando vedranno il quesito, quelli del M5s faranno di tutto per migliorare il reddito. Peggiorarlo sarà difficile”. Lo ha detto il leader di Iv, Matteo Renzi, intervistato dal Tg4.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli