Soleimani, l'analista: "Da Trump dichiarazione di guerra a Teheran"

webinfo@adnkronos.com

L'operazione che ha provocato la morte del generale Qassem Soleimani in Iraq è una "dichiarazione di guerra" dell'Amministrazione Trump all'Iran che rischia di provocare la morte di "numerosi americani in Medio Oriente". Lo afferma in un'intervista ad Aki-Adnkronos International l'esperto di questioni iraniane Adnan Tabatabai, co-fondatore del Center for Applied Research in Partnership with the Orient (Carpo), think-tank basato a Bonn, in Germania.Secondo Tabatabai, gli Stati Uniti "hanno superato una delle principali linee rosse" definite dall'Iran nel quadro dei rapporti tesi con gli Usa, uccidendo non solo un generale di altissimo livello, ma anche una delle figure più importanti a livello nazionale. Questo significa che anche l'Iran ora "si sente autorizzato a superare le linee rosse" ed inevitabilmente, sottolinea l'esperto, ciò avrà conseguenze per "le truppe Usa in Medio Oriente". 

"La Casa Bianca o il Pentagono hanno deciso di eliminare Qassem Soleimani non nel corso di un'operazione segreta, ma uccidendolo in modo plateale", prosegue l'analista ricordando come gli americani abbiano inserito Soleimani e la Forza Quds nella lista nera del terrorismo e "per questo sostengono di avere il diritto di eliminare soggetti come lui". 

Sul piano interno in Iran, evidenzia Tabatabai, l'omicidio di Soleimani "certamente creerà forti emozioni nel panorama politico, galvanizzerà gli elementi più radicali, rafforzerà l'antiamericanismo e certamente precluderà qualsiasi tesi a sostegno della salvaguardia dell'accordo nucleare e del miglioramento delle relazioni con l'Occidente". Inoltre, prosegue, darà impulso a quegli "elementi, fazioni e correnti" ultraconservatori che alle elezioni di febbraio proveranno a prendere il controllo del Parlamento, attualmente in mano ai riformisti-moderati, e porterà a un "ulteriore inasprimento" delle posizioni iraniane in politica estera. 

Secondo l'esperto del Carpo, Trump è un presidente che reagisce d'impulso e l'omicidio di Soleimani è una reazione "eccessiva all'uccisione di un contractor americano a Kirkuk da parte di forze presumibilmente sostenute dall'Iran in Iraq e all'assalto contro l'ambasciata Usa a Baghdad". "Sembra la risposta alle dichiarazioni della Guida Suprema dell'Iran (Ali Khamenei, ndr) secondo la quale gli americani non avevano modo di replicare a quello che era accaduto a Baghdad. Trump potrebbe aver sentito la necessità di mostrare che era in grado di fare qualcosa", sostiene. 

Tuttavia per Tabatabai, quella di Trump è una mossa "estremamente rischiosa" e "questa decisione di pancia potrebbe portare alla perdite di molte vite americane in Medio Oriente" e all'inizio di "nuove guerre e nuovi conflitti in questa regione".