Solinas: da Tar decisione arbitraria di Stato ostile alla Sardegna

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Cagliari, 2 feb. (askanews) - "Rispetto la sentenza del Tar, come ogni altro pronunciamento della Magistratura, ma sono certo che le ragioni della Sardegna fossero prevalenti sulle argomentazioni puramente tecnicistiche e farisaiche avanzate dal Ministero. Abbiamo condotto una battaglia difficile, ma sono orgoglioso di avere difeso gli interessi legittimi della Sardegna, che faremo emergere anche nella discussione di merito". Così il presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas, commenta la sentenza del Tar che ha respinto la richiesta di misure cautelari della Regione contro l'ordinanza ministeriale che,

qualificando la Sardegna zona arancione a partire dal 22 gennaio, ha causato un enorme danno al tessuto economico e produttivo dell'Isola, affliggendo la popolazione con un quello che la Regione considera un atto di prevaricazione.

"Ricordo ancora una volta che dietro i colori assegnati da certi moderni "Dottori della Legge - dice il Presidente Solinas - ci sono i volti delle persone sofferenti, le attività economiche e produttive in crisi che hanno faticato in questi mesi per restare in vita e assicurare un futuro ai propri titolari e dipendenti. I dati ufficiali e il confronto con gli indicatori di altre regioni in zona gialla attestavano l'ingiustizia del provvedimento adottato; erano già stati attivati numerosi nuovi posti in terapia intensiva e l'indicatore RT non e' mai stato tale da giustificare la collocazione in arancione. Ed anche l'ultimo rapporto Gimbe confermava una situazione pienamente sotto controllo e in continuo miglioramento. Il ministro era stato sordo alle nostre ragioni, prosegue Solinas, e non ci era stato consentito di esprimere i nostri elementi di valutazione, che certo avrebbero consentito di pervenire a conclusioni differenti. Questa sentenza - conclude il Presidente - conferma purtroppo una decisione arbitraria di uno Stato ostile alla Sardegna".