Sollitto: "Ketelaere e Lokonga: le caratteristiche dei due calciatori seguiti dal Milan"

Francesco Manno
·1 minuto per la lettura

Vincenzo Sollitto, noto talent scout e grande conoscitore di calcio belga, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di 90min Italia.

Ketelaete | BSR Agency/Getty Images
Ketelaete | BSR Agency/Getty Images

KETELAERE - "Parliamo della nuova stellina del settore giovanile del Bruges. Trequartista, lavora tra le linee, preferendo partire largo da sinistra per poi accentrarsi. A 19 anni, gioca nel Brugge, ormai titolare fisso, esordendo anche in Champions League, con un fare da veterano. Fiuto del gol, nato mediano, nelle giovanili ha fatto fatica ad imporsi a causa di una lenta crescita fisica, poi recuperata negli ultimi due anni. Faccia da bravo ragazzo, fiammingo di cultura, riservato al punto che di lui non si sa praticamente nulla. Con una famiglia alle spalle che protegge totalmente il figlio, nessuna esposizione mediatica se non quelle istituzionali del club. Vive a Brugge e tifa Brugge. E’ attenzionato da vari club europei, in Italia dal Milan (che ha nel Belgio le migliori attenzioni negli ultimi anni) e l'Atalanta, sempre attenta ai giovani emergenti, magari ancora da svezzare".

Lokonga | Plumb Images/Getty Images
Lokonga | Plumb Images/Getty Images

SAMBI LOKONGA - "È l’ennesimo canterano di Neerpede, il centro Sportivo dell’Anderlecht. Un centrocampista duttile, forte caratterialmente, un elemento che sa difendere e proteggere la difesa, ma è abile ed utile anche nella manovra d’attacco della squadra".

SAELEMAEKERS - "Penso sia il vero crack al Milan. Quasi nessuno avrebbe scommesso su di lui in Belgio, quasi uno dei tanti. Oggi è un elemento importante di Pioli".

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Milan e della Serie A.