Solo 17% fumatori italiani ha informazioni su prodotti senza fumo

Red

Roma, 20 ago. (askanews) - La mancanza di informazione ostacoli prodotti alternativi al fumo: solo il 17% dei fumatori italiani dichiara di avere informazioni adeguate sui prodotti senza fumo. E' quanto emerge da un rapporto rilasciato oggi da Philip Morris International (PMI) dal titolo "Unsmoke: Clearing the Way for Change" basato sui risultati di uno studio internazionale condotto per l'azienda da Povaddo, istituto di ricerca indipendente.

Se le scelte migliori restano sempre non iniziare o smettere del tutto di fumare sigarette e utilizzare qualsiasi altro prodotto a base di nicotina, la realtà è che molte persone non lo fanno. Il sondaggio, condotto in 13 paesi tra gli adulti di età compresa tra 21 e 74 anni, esplora due temi chiave: la mancanza di informazioni disponibili su prodotti senza fumo e l'impatto del fumo sulle relazioni personali. Lo studio rivela alcune delle barriere che impediscono ai fumatori di considerare alternative senza fumo rispetto al fumo tradizionale.

"Attualmente vi è molta disinformazione sui prodotti senza fumo e questo crea confusione. È uno dei maggiori ostacoli che è necessario affrontare per costruire un mondo senza fumo." ha dichiarato Jacek Olczak, chief operating officer di PMI. "La realtà è che sono disponibili valide alternative per i fumatori adulti che non smettono di fumare. C'è un bisogno urgente di un dibattito globale - basato su ricerche e fatti scientifici - su queste alternative."

Per quanto riguarda il pubblico italiano, il rapporto fotografa innanzitutto il desiderio di un maggiore impegno per rendere le sigarette un ricordo del passato - un obiettivo condiviso da quasi nove intervistati su dieci che affermano che il Governo dovrebbe investire tempo e risorse nel cercare di ridurre l'incidenza del fumo. Tuttavia, l'88% degli italiani sono convinti che regolazione e tassazione non saranno in grado, da sole, di risolvere il problema. Se l'87% degli intervistati (più di quattro su cinque) concorda sulla necessità di maggiori e più trasparenti informazioni sui prodotti senza fumo, solo il 17% dei fumatori si ritiene "decisamente d'accordo" sull'avere tutte le informazioni necessarie.

(Segue)