Somalia, Amnesty: giornalisti minacciati, uccisi, costretti esilio -5-

red/Mgi

Roma, 13 feb. (askanews) - Zakariye Mohamud Timaade, già giornalista di Universal Tv, ha lasciato la Somalia nel giugno 2019 dopo essere stato minacciato sia da "al-Shabaab" che da ambienti governativi a causa di due diversi servizi che aveva realizzato. Il gruppo armato lo aveva minacciato di morte per aver riferito della cattura di tre miliziani da parte delle forze di sicurezza, il governo si era infuriato per aver rivelato la presenza attiva di "al-Shabaab" a Mogadiscio.

"La paura più grande era la Nisa [Agenzia nazionale per la sicurezza e l'intelligence]. So che volevano uccidermi. A Mogadiscio puoi nasconderti da 'al-Shabaab' ma non dalla Nisa. Possono venirti a prendere in ufficio in ogni momento. Per questo ho deciso di lasciare il paese. (Segue)