Somalia, Amnesty: giornalisti minacciati, uccisi, costretti esilio -8-

red/Mgi

Roma, 13 feb. (askanews) - Un giornalista ha perso il posto di lavoro per aver appoggiato un candidato dell'opposizione sulla sua pagina Facebook. A seguito dei suoi rifiuti di cancellare quei contenuti, dall'ufficio del presidente hanno chiamato persino un suo ex insegnante per convincerlo ad abbandonare del tutto la professione giornalistica.

Amnesty International ha documentato la disattivazione permanente di 16 pagine Facebook, 13 delle quali appartenenti a giornalisti, tra il 2018 e il 2019, sempre per aver violato "gli standard della comunità". (Segue)