Somalia, Amnesty: nuove prove su uccisioni civili in raid Usa -4-

red/Mgi

Roma, 1 ott. (askanews) - Ad oggi, Amnesty International ha documentato sei attacchi aerei statunitensi che hanno causato vittime civili: 17 morti e otto feriti.

In un rapporto diffuso il 20 marzo 2019, l'organizzazione aveva già contestato l'affermazione di Africom secondo cui le sue operazioni militari avevano causato "zero vittime" tra la popolazione civile somala. Appena due settimane dopo, Africom aveva ammesso che il rapporto di Amnesty International aveva reso necessario riconsiderare il numero delle vittime civili. Sei mesi dopo, non c'è ancora alcuna novità.

Gli attacchi aerei statunitensi in Somalia sono fortemente aumentati dall'inizio del 2017, quando il presidente Trump ha firmato un ordine esecutivo che dichiarava il sud della Somalia "zona di ostilità attive". Da allora, Africom ha condotto almeno 131 attacchi, con droni o aerei guidati.

L'attacco di Abdow Dibile è uno dei 50 attacchi che Africom ha dichiarato di aver condotto da gennaio a metà settembre del 2019. Questo numero supera quello degli attacchi del 2018 (47) e degli ultimi nove mesi del 2017 (34). (Segue)