Sondaggi elettorali oggi: cresce la fiducia in Conte, in calo la Lega

Sondaggi elettorali oggi Conte Lega

I risultati dei sondaggi elettorali diffusi oggi da YouTrend per SkyTg24 rivelano che, dal conferimento dell’incarico (accettato con riserva) dal presidente Sergio Mattarella, la popolarità del premier incaricato Giuseppe Conte è cresciuta. Aumenta la fiducia che gli italiani nutrono nei confronti dell’avvocato del popolo, mentre risulta in calo il consenso raccolto dagli altri leader politici.

Sondaggi elettorali oggi

Con i sondaggi elettorali di oggi, Giuseppe Conte si conferma il politico più apprezzato dagli italiani, nonostante le non poche perplessità che gli stessi elettori di Pd e M5s nutrono nei confronti del nascente governo giallorosso. Il 55% degli intervistati ha dichiarato di volere che il premier incaricato nomini una squadra e si insedi (nuovamente) a Palazzo Chigi.

Crolla la fiducia in Matteo Salvini: oltre il 68% degli intervistati ha rivelato di fidarsi poco o niente del leader della Lega. Dietro di lui si piazzano sia Nicola Zingaretti, con il 75,5% di voti negativi, e l’ex premier Matteo Renzi, con l’85,4%. In calo anche Luigi Di Maio, mentre il presidente Sergio Mattarella raccoglie il 66% di voti positivi.

I partiti

Per quanto riguarda i partiti, è in calo la Lega di Matteo Salvini, che scende dal 36% delle elezioni europee al 31,9%. Il Carroccio resta, comunque, il primo partito in Italia. Il suo consenso sarebbe ulteriormente rafforzato da un’alleanza con i partiti di centrodestra: Forza Italia di Silvio Berlusconi (6,8%) e Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni (8,8%). Il Pd, con il 22,3%, ottiene un risultato molto vicino a quello delle europee. Crolla il consenso del M5s, che con il 18,6% ha quasi dimezzato il 35% ottenuto alle politiche del 4 marzo 2018.

Sgarbi divulga sondaggi riservati

Sono in forte contrasto con i dati di YouTrend i risultati dei sondaggi riservati divulgati da Vittorio Sgarbi sulla sua pagina Facebook. Secondo la ricerca citata dal sindaco di Sutri, la Lega conquisterebbe attualmente circa il 40% delle preferenze. Il Movimento starebbe invece pagando a caro prezzo l’alleanza con il Pd, scendendo al minimo storico con il 10% delle preferenze.