Sondaggi: Lega crolla sotto il 30%, cresce il movimento delle Sardine

sondaggi lega sardine

Gli ultimi sondaggi realizzati da Digos per Repubblica mostrano un risultato sconvolgente: la Lega di Matteo Salvini scende sotto il 30%, mentre crescono le sardine. Si tratta di uno scenario mai visto dalle ultime elezioni europee, mentre dall’altro lato avanza il movimento contro il leader del Carroccio. Secondo l’istituto Ilvo Diamanti, infatti, almeno un elettore su quattro sarebbe disposto a votare per le Sardine. Il 38% degli intervistati si è espresso a favore della manifestazione, mentre il 4% ha partecipato agli ultimi raduni.

Sondaggi: scende Lega, crescono sardine

Le Sardine continuano a riempire le maggiori piazze italiane e guadagnano consensi anche nei sondaggi, mentre la Lega inizia una lenta discesa. Il partito di Matteo Salvini scende infatti sotto il 30%, mentre le sardine aumentano il bacino di consensi. Gli elettori più vicini alle sardine sono i giovani dai 18 ai 24 anni e dai 25 ai 34 anni. Inoltre, da quanto emerge nelle rilevazioni Digos, avrebbero un titolo di studio di alto livello e provengono soprattutto dal Centro Italia e dal Nord-Ovest. Come schieramento politico, gli intervistati a favore delle sardine hanno votato in passato il Pd, ma anche M5s o persino Forza Italia.

I partiti maggiori

La Lega, come suddetto, scende sotto il 30% (29,5%): non accadeva dalle scorse elezioni europee, quando Salvini ottenne il 34%. Nonostante i sei punti persi dal Carroccio, il centrodestra cresce grazie a Fratelli d’Italia, che si attesta intorno all’11,3% con un aumento quasi doppio rispetto a luglio. Forza Italia, invece, è al 6,5%. Tutto il centrodestra unito, quindi, sarebbe al 47,3%.

Tra le forze nella maggioranza di governo, invece, Il Pd è in discesa rispetto ai mesi precedenti e si attesta attualmente al 18,7%. Anche Italia viva, però, è in caduta di mezzo punto e si ferma al 3,5%. Il Movimento 5 stelle guadagna il 18,1% dei consensi, in calo di due punti e mezzo dallo scorso ottobre. LeU, infine, è al 3,2%. Ciò significa che il centrosinistra ottiene in tutto il 43,5% dei voti.

Il governo e i leader

La fiducia degli elettori nel governo giallorosso è stabile, ma molti credono che l’esecutivi non possa durare a lungo. Rispetto al consenso verso i leader, invece, Giuseppe Conte rimane in testa (50 punti percentuali), seguito da Matteo Salvini con 48 punti, Giorgia Meloni con 46 e Matteo Renzi con un lontano 25%.