Sondaggi politici: Lega in calo, ecco chi ne approfitta

Nuovi sondaggi politici ridisegnano gli equilibri all’interno della maggioranza e dell’opposizione. Dopo una settimana ricca di eventi, dalla polemica sulla casa dell’ex ministra Trenta, passando per l’arresto della deputata Lara Comi alla sentenza Cucchi condita di polemiche tra la sorella Ilaria e il leader della Lega Matteo Salvini, ecco come cambiano le preferenze degli italiani e chi voterebbero in un’eventuale tornata di elezioni politiche.

Il sondaggio Swg

Secondo le intenzioni di voto degli italiani espresse nell'ultima indagine realizzata da Swg, la Lega perderebbe mezzo punto percentuale portandosi al 34%. Restando nel centrodestra, Fratelli d’Italia resterebbe stabile al 9,5%, mentre Forza Italia recupererebbe lo 0,2% attestandosi pertanto al 6,4%. Aggiungendo anche Cambiamo! (1,1%), la coalizione di centrodestra comprendente i partiti di SalviniMeloniBerlusconi e Toti avrebbe il 51% delle preferenze (era il 51,5% la settimana scorsa).

Nell’area di governo, invece, a una crescita di 0,4 punti del Movimento 5 Stelle (16,2%) si contrappone un calo dello 0,3% per il Partito Democratico (18,3%) e dello 0,6% per Italia Viva (5,0%).

LEGGI ANCHE - Voto Rousseau, M5S correrà alle regionali

Crescono anche le liste minori del centrosinistra, da Sinistra Italiana-MDP-Art. 1 (3,3%) che guadagna lo 0,3% su base settimanale, ai Verdi (2,3%) con lo 0,4% e +Europa (1,7%) con lo 0,2%.

Il 37% del campione si è astenuto.

GUARDA ANCHE - 5 curiosità su Rousseau, la piattaforma del M5S

Il sondaggio Ixè

Per Ixè invece il centrodestra nel suo complesso otterrebbe esattamente il 50,0% dei consensi: in particolare, all’interno della coalizione si registrerebbe una perdita della Lega (31,9%) di 0,7 punti percentuali, mentre Fratelli d’Italia crescerebbe di 0,3 punti e arriverebbe a sfiorare la doppia cifra (9,9%). Torna a crescere lievemente Forza Italia (7,5%), mentre sarebbe in leggera diminuzione Cambiamo! di Giovanni Toti, ferma allo 0,7%.

Tra le forze governative, il Partito Democratico di Nicola Zingaretti accorcerebbe le distanze nei confronti della Lega anche grazie ad un lieve incremento di 0,2 punti, attestandosi così al 21,2%. Italia Viva si attesterebbe al 4,6% (+0,3). Rispetto alla scorsa settimana, rimane invece invariata la percentuale del Movimento 5 Stelle (16,3%).

LEGGI ANCHE - Conte irrompe in diretta e sfida Fiorello

Tra le forze minori del centrosinistra, +Europa avrebbe il 3,1% dei consensi (+0,4%), mentre sarebbero in leggero calo La Sinistra ed Europa Verde, che otterrebbero rispettivamente l’1,7% e l’1,1% (-0,1% e -0,2%).

Ad astenersi, nel sondaggio dell’istituto Ixè, sono il 37,2% del campione.

GUARDA ANCHE - Curiosità sul movimento delle “sardine”

Il sondaggio EMG Acqua

Nelle intenzioni di voto elaborate dall’istituto EMG Acqua diretto da Fabrizio Masia la Lega di Matteo Salvini scenderebbe dell’0,4%, rimanendo comunque la prima forza politica del Paese col 32,6%. Nel resto del centrodestra, Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni (9,5%) calerebbe dello 0,3%, la stessa percentuale sarebbe invece recuperata da Forza Italia (7,7%).

LEGGI ANCHE - Di Maio: "M5s è in difficoltà, lo ammetto"

Nell’area della maggioranza di governo, il Partito Democratico torna 20,0%. In calo invece Italia Viva di Matteo Renzi, ora al 5,2%. Il Movimento 5 Stelle, invece, sarebbe stabile al 16,1%, stessa percentuale di due settimane fa.

Gli indecisi e astenuti sarebbero il 40,7% del campione.

GUARDA ANCHE - Salvini alle “sardine”: “Adoro anche pesciolini e pescioloni”