Sondaggio Emilia, Bonaccini avanti

HuffPost
Stefano Bonaccini - Lucia Borgonzoni

Almeno otto punti di vantaggio. Questo l’esito del sondaggio commissionato a Winpoll dal Pd in Emilia Romagna, pubblicato oggi sul Sole24Ore. Il candidato Pd Stefano Bonaccini si attesta oltre il 50%, mentre la leghista Lucia Borgonzoni è data al 42%. 

Una rilevazione che dà un po’ di conforto al Nazareno. Gli scenari considerati, in realtà sono due: se M5S corresse con un suo candidato prenderebbe il 6,2%, Bonaccini con il centrosinistra il 50,7% e Borgonzoni con il centrodestra il 42,1%- Se invece M5s facesse parte della coalizione che sostiene Bonaccini, il governatore uscente salirebbe al 56,2% e Borgonzoni rimarrebbe stabile al 42,9%. 

“I nostri avversari pensano di usare questa Regione solo per una battaglia nazionale, per mandare a casa Conte. Il 27 Salvini tornerà a occuparsi d’altro e a guidare la Regione ci saremo io o Lucia Borgonzoni. Si vota per l’Emilia Romagna, non per altro” afferma il governatore dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, in un’intervista al Fatto Quotidiano. Per le elezioni “ho chiesto a tutte le forze politiche di centrosinistra di essere presenti e unite in questa campagna, anche in forme nuove che consentano di aprirsi. Al tempo stesso ho chiesto a tante esperienze civiche presenti nei Comuni di impegnarsi insieme a noi”, dice Bonaccini. Quanto al M5s, “sono disposto al confronto, credo che un’intesa sui programmi potrebbe essere utile, ma non va fatta a tutti i costi, solo per governare”, dichiara. In merito alla piazza delle sardine, “non mi approprio della partecipazione dei cittadini, voglio costruire un progetto che risponda a quella mobilitazione così bella. Mi rivolgo a tutti i cittadini e dico: dateci una mano”, spiega il governatore. “Ci sarà forse un incontro naturale perché sono convinto che ci siano molti punti in comune”.

Mappa Emilia Romagna

Di altro tenore per i dem la rilevazione Winpoll sul voto di lista, che mostra chiaramente quanto la Lega sia ormai penetrata in Emilia Romagna. Con M5S...

Continua a leggere su HuffPost