Sonia Bruganelli, ancora una provocazione con il jet privato: "Altro giro..."

Sonia Bruganelli jet privato
Sonia Bruganelli jet privato

Sonia Bruganelli ha lanciato l’ennesima provocazione social. Come al solito, è il jet privato che ha utilizzato per raggiungere Trieste ad aver alzato un polverone. La moglie di Paolo Bonolis, neanche a dirlo, si è lasciata scivolare addosso tutte le critiche, anche quelle più feroci.

Sonia Bruganelli sul jet privato: ennesima provocazione

Spostarsi da una città all’altra o da un Paese all’altro non è mai stato così semplice. Questo, almeno, è il pensiero di Sonia Bruganelli che, nelle ultime ore, ha preso un jet privato da Roma per raggiungere Trieste, città dove il figlio Davide ha iniziato a giocare a calcio. Mentre Francesco Facchinetti lancia un’idea per combattere l’inquinamento causato dagli aerei privati, la signora Bonolis li sponsorizza.

Da Roma a Trieste: meglio il jet privato che l’auto

Altro giro, altra corsa… Family and friends“, ha scritto Sonia a didascalia di una foto che ritrae l’interno del jet privato. Una tavola imbandita: coca cola, acqua tonica e qualche stuzzichino. Cosa c’è di meglio per tenersi impegnati durante il volo? La Bruganelli, piuttosto che affrontare 700/800 km in macchina per raggiungere Trieste, ha deciso di affittare un velivolo. “Quando metti queste foto muoio e mentre aspetto i soliti commenti preparo i pop corn“, scrive una fan in attesa delle critiche.

La reazione dei fan

Mentre alcuni follower hanno apprezzato la scelta del jet privato, altri hanno attaccato Sonia Bruganelli senza mezzi termini. Si legge: “Abbiamo capito che hai i soldi, non c’è bisogno di far vedere l’aereo” oppure “Dovresti vergognarti… Un aereo privato inquina come 800 persone…” o ancora “Io non deploro ciò che lei sia, ma ciò che espone sfacciatamente senza pensare che c’è gente che non ha un tozzo di pane. Non mi piace per niente“.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Sonia Bruganelli (@soniabrugi)