“Soniche oblique strategie”, l’antologia-romanzo è fantarock

“Soniche oblique strategie”, l’antologia-romanzo è fantarock

Milano, 12 ott. (askanews) – 8 racconti ad incastro, un gioco di ruolo musicale inventato da una leggenda come Brian Eno, una band alle prese con un cantante misterioso e una cascata di citazioni e rimandi a canzoni e gruppi di ogni epoca, genere e sapore. “S.O.S – Soniche oblique strategie” è l’antologia-romanzo, ideata e curata da Mario Gazzola, autore del racconto-cornice della storia.

“Io l’ho definito in qualche modo un Decameron futurista perché c’è una cornice narrativa che tiene insieme il tutto e poi partono i vari racconti come se fossero le novelle di un boccaccio post-rock, il lettore se lo legge di filato come un romanzo perché i 7 racconti sono assolutamente autonomi, ma io ho creato un tessuto connettivo che serpeggia da uno all’altro”, ha detto.

Spunto del gioco letterario (a cui hanno partecipato con i loro racconti oltre allo stesso Gazzola, Danilo Arona, Ernesto Assante, Andrea Carlo Cappi, Giovanni De Matteo, Lukha B. Kremo, Maurizio Marsico, Caludia Salvatori) un’idea del produttore e musicista Brian Eno per stimolare la creatività durante la realizzazione di un album di David Bowie.

“Per spingere i musicisti delle session che avrebbero dato vita al disco “Outside” di David Bowie lui aveva inventato un gioco di ruolo: ogni carta conteneva il profilo di un ipotetico musicista immaginario, ogni profilo era in se stesso l’incipit di un racconto di fantascienza a base di musica, il musicista sulla base spaziale di Asteorid, sei il musicista nel sex club dell’emiro arabo che si può permettere tutti i lussi nel mondo islamico del futuro…”.

Spunti trasformati nell’incipit di racconti futuristici e immaginifici, come quelli che popolano Stranimondi, festival del libro fantastico alla Casa dei giochi di Sesto San Giovanni, in scena il 12 e 13 ottobre.