Sono 722 le vittime del coronavirus in Cina

Brahim Maarad

È stato il giorno con il più alto numero di decessi da quando è scoppiata in Cina l'epidemia di coronavirus: sono 86 i morti registrati nelle ultime 24 ore che portano il bilancio delle vittime in Cina a 722, tra loro anche i primi due stranieri, un americano e un giapponese. L'unico decesso fuori dalla Cina resta quello avvenuto nelle Filippine. I casi di contagio salgono invece a 34.400 in 27 Paesi diversi.

LEGGI ANCHE: Virus, "Cina blocca alimenti made in Italy"

Intanto, la crescente preoccupazione ha portato la zona amministrativa speciale di Hong Kong a imporre la quarantena obbligatoria a tutti gli arrivi dalla Cina continentale. Così come restano bloccati a bordo della nave da crociera, la Diamond Princess, attraccata nella baia di Yokohama, in Giappone. Sono finora 65 i contagi confermati tra le 3.600 persone a bordo. Tra questi vi sono anche 35 italiani che risultano per ora non infettati.

GUARDA ANCHE - Giappone, in quarantena nave da crociera

A Wuhan, focolaio dell'epidemia, è stato registrato il primo decesso di un cittadino americano, un 60enne a cui era stato diagnosticato il virus nei giorni scorsi. È ancora da chiarire invece il decesso di un altro 60enne, un giapponese, avvenuto a causa di una "polmonite" sempre a Wuhan.

Hong Kong ha cominciato a imporre una quarantena di due settimane per chiunque arrivi dalla Cina continentale, con la minaccia sia di multe che di reclusione. La maggior parte delle persone potrà essere messa in quarantena a casa o in hotel, ma dovrà sottoporsi a telefonate quotidiane e controlli a campione. Finora l'ex colonia britannica ha registrato 25 casi di contagio confermati. 

GUARDA ANCHE - Coronavirus, ecco il team italiano che ha isolato il virus