“Sono almeno 106 le persone uccise in 21 città dell’Iran”. La denuncia di Amnesty

HuffPost

Dieci anni anni dopo la rivolta del 2009, che vide i giovani iraniani in piazza contro i brogli nelle elezioni presidenziali, la Repubblica Islamica ha assistito a una nuova ribellione soffocata nel sangue e si prepara a mettere in funzione la forca per chi voglia mettere in discussione il regime. “Sono almeno 106 le persone uccise in 21 città dell’Iran” negli scontri degli ultimi giorni, ha denunciato Amnesty International da Londra, aggiungendo che “il bilancio definitivo delle vittime potrebbe essere molto più alto, con alcune notizie che portano il numero degli uccisi fino a 200″.
L’organizzazione per i diritti umani basa le proprie stime su “filmati verificati, testimonianze raccolte sul terreno e informazioni” dagli attivisti residenti al di fuori dell’Iran.
In uno de filmati, spiega Amnesty, è possibile vedere “cecchini che sparano sulla folla dai tetti di edifici e, in un caso, da un elicottero”. La gran parte delle manifestazioni era pacifica e solo “un piccolo numero di persone lanciava pietre e dava alle fiamme banche e scuole. Unità delle forse di sicurezza iraniane, aggiunge l’organizzazione hanno trascinato via corpi privi di vita e e feriti da strade e ospedali, senza fornire alcuna notizia ai parenti delle vittime. “Siamo particolarmente allarmati che l’uso di proiettili veri abbia, presumibilmente, causato un numero significativo di morti in tutto il Paese”, ha dichiarato dal canto suo il portavoce dell’Alto Commissariato per i diritti umani delle Nazioni Unite (Unhcr), Rupert Colville.
Il portavoce ha spiegato che, sebbene il bilancio delle vittime sia difficile da verificare, in parte per via del blocco di internet in vigore da sabato, i media iraniani e “diverse altre fonti” parlano di “decine di persone che potrebbero essere state uccise” durante le proteste. Tra loro, tre pasdaran, uno dei quali apparteneva al corpo paramilitare Bassidj, che ha preso il controllo della sicurezza sul terreno. Il...

Continua a leggere su HuffPost