"Sono stata segregata, drogata e stuprata per giorni". La confessione della cantante Duffy

"Sono stata segregata, drogata e stuprata per giorni". La confessione della cantante Duffy

La pop star Duffy ha dichiarato con un post su Instagram di essere stata “segregata, drogata e stuprata”. Lo stupro sarebbe avvenuto a Londra, e l’artista sarebbe stata tenuta prigioniera per giorni”. La vincitrice di un Grammy Awards per l’album “Rockferry” del 2009, aveva cancellato tutti i contenuti del suo profilo per prepararsi al suo come-back sulla scena musicale. Il suo primo post è però una confessione: “Potete immaginare quante volte ho pensato di scriverlo [...]. Non sono sicura perché questo è il momento giusto, e perché mi sento così emozionata a farlo e libera a parlarne”.

 

La cantante inglese aveva raggiunto il successo internazionale con il singolo “Mercy” e si era affacciata anche nel mondo dello spettacolo recitando in due film. Nel 2011 aveva dichiarato di volersi prendere una pausa e da allora non ha ancora pubblicato nulla.  “Molti di voi si staranno chiedendo cosa mi è successo, dove sono andata e perché sono scomparsa. Ma posso dirvi che in questa ultima decade, ci sono stati mille e mille giorni in cui ho provato a sentire di nuovo il sole dentro il mio cuore e finalmente ora questo sole è tornato a splendere”

“Vi sarete chiesi perché non ho scelto di usare la mia voce per esprimere questo dolore? Non volevo mostrare a tutto il mondo la tristezza nei miei occhi. Mi sono chiesta, come posso cantare dal mio cuore se questo è spezzato? Ma con il tempo si è riparato” ha confessato Duffy.

“Un giornalista mi ha contattato la scorsa estate e gli ho confessato. È stato gentile e mi sono sentita finalmente libera a parlarne. Ora sto bene e sono al sicuro ma quel recupero ha richiesto del tempo” ha dichiarato l’artista. La cantante nata come Aimee Anne pubblicherà l’intervista nelle prossime settimane, che “servirà a rispondere a tutte le domande”. 

 

 

Love HuffPost? Become a founding member of HuffPost Plus today.

This article originally appeared on HuffPost.