Sono state confermate in appello le condanne per l'omicidio di Desirée Mariottini

Francesco Fotia / Agf

AGI - La Corte d'Appello di Roma ha confermato le condanne ai quattro imputati per l'omicidio di Desirée Mariottini, la 16enne morta il 19 ottobre del 2018 in uno stabile abbandonato nel quartiere romano di San Lorenzo.

Si tratta di Mamadou Gara, Yousef Salia, Brian Minthe e Alinno Chima. In primo grado, i giudici avevano condannato i primi due all'ergastolo, Chima a 27 anni e Minthe a 24 e mezzo. Il pg aveva chiesto alla Corte la conferma delle condanne.

"Speravo nella conferma delle condanne. Sono quattro mostri e devono stare dietro le sbarre. Il dolore io e la mia famiglia lo porteremo dietro tutta la vita. Questa sentenza mi dà un solo po' di pace dopo tanto dolore, ma il dolore ci sarà sempre e nessuno mi ridarà mai mia figlia" ha detto Barbara Mariottini, mamma di Desirée, dopo la sentenza.