Sorpresa in Cina: nonostante stime, popolazione cresce ancora

·1 minuto per la lettura
featured 1306898
featured 1306898

Milano, 29 apr. (askanews) – Nonostante diverse stime ipotizzassero un calo demografico cinese nel 2020 per la prima volta in 60 anni, la popolazione della Repubblica popolare è aumentata anche lo scorso anno. L’ha reso noto oggi l’Ufficio nazionale di statistica.

Gli unici casi di decrescita del numero dei cittadini cinesi è stato registrato nel biennio 1960-61, mentre il paese viveva il triennio della Grande carestia epoca in cui morirono, secondo stime diverse, 13 e 20 milioni di persone.

Sebbene la virata al negativo non sia avvenuta quest’anno, il governo cinese stesso in precedenza ha chiarito che il gap esistente tra i nuovi nati e i decessi farà sì che entro i prossimi cinque anni si avrà un saldo negativo di un milione di persone all’anno.

L’Ufficio nazionale di statistica, che ha condotto il settimo censimento nazionale tra novembre e dicembre e ha una gran massa di dati da processare, non ha ancora fornito una data per la diffusione dei dati dettagliati relativi al 2020.